Grafica d’Arte 2016-17

Accademia di Belle Arti Roma
  Anno Accademico 2016-17
Dipartimento di Arti Visive
Scuola di Grafica
Corso di Grafica d’Arte
Triennio – Biennio
Prof. Gianfranco D’Alonzo
gianfrancodalonzo@alice.it

 

 

Materiali di studio, ricerca e produzione artistica dell’anno accademico 2016-17

 

Nella pagina Facebook del corso  https://www.facebook.com/dalonzograficadarte/  è pubblicata tutta l’attività didattica del corso

 

Sito web     https://gdagraficadarte.wixsite.com/gdagraficadarte    realizzato da Alex Correa Martins, collaboratore del corso per l’anno 2016-17

 

 


 

Programma didattico

Il programma è unico per i due livelli di studio. Ciò permetterà una maggiore relazione tra gli studenti, anche con l’ausilio di social e reti didattiche, a partire dalle tematiche proposte, che ognuno affronterà con la propria storia, sensibilità e capacità. 

Livello: TRIENNIO

Disciplina: GRAFICA d’ARTE 1-2-3

Crediti formativi: 12CF (h150 ore)

Periodo: Annuale

Luogo: Aula 01

Calendario:

  • 4 Novembre 2016 / 16 Giugno 2017 – Venerdì h. 9.30 – 13.30 (Annuale)
  • 8 Novembre / 13 Dicembre 2016 –  Martedì h. 18.00 – 20.00 (Laboratorio esterno Arte e Politica)
  • Novembre 2016 / Giugno 2017 – Tre appuntamenti per conferenze e visita musei
  • 17 Febbraio e 19 Giugno 2017 – Verifiche e preparazione agli esami.

 

Accoglienza studenti: 

  •      4 Novembre 2016 /16 Giugno 2017- Venerdì 13.30 – 14.30

 


 

Livello: TRIENNIO – BIENNIO Altre scuole

Crediti formativi: 6 CF ( h 75 ore)

Periodo: Annuale

Luogo: Aula 01

Calendario:

  • 4 Novembre 2016 /16 Giugno 2017 – Venerdì h. 14.30 – 17.00  (Annuale)
  • 8 Novembre / 13 Dicembre 2016 – Martedì h. 18.00 – 20.00 (Laboratorio esterno Arte e Politica)
  • Novembre 2016 / Giugno 2017 – Tre appuntamenti per conferenze e visita musei
  • 17 Febbraio e 19 Giugno 2017 –  Verifiche e preparazione agli esami

 

Accoglienza studenti:

  • 4 Novembre 2016 / 16 Giugno 2017 – Venerdì 17.00 – 17.30

 


 

Tipologia disciplina:

Teorico-Pratica

Tipologia della didattica:

Lezioni teoriche

Seminari – Stage

Applicazioni pratiche

 


 

Obiettivi formativi

L’esercizio del laboratorio – il suo riprodursi differente – è in grado di creare un “ambiente” in cui la realtà e l’etica trovano coabitazione e rappresentazione, e la frequentazione dei linguaggi artistici diventa un’esperienza analoga a qualsiasi altra attività umana. La disciplina può orientarsi verso territori “estranei”, affrontare le diversità – riconoscere la sua stessa diversità e tipicità -, sollecitare irritualità altrimenti taciute, motivare la ”riflessione profonda”.

 


 

Contenuti e tematiche

La massa è una matrice dalla quale attualmente esce rinato ogni comportamento abituale nei confronti delle opere d’arte. (Walter Benjamin)

Da qui la necessità di rivisitare la matrice – cardine dell’esperienza calcografica – nei suoi concetti base, alla luce delle pratiche di condivisione, ora in campo, che convocano il suo potenziale linguistico e la sua condizione di madre e di residuo. Un’indagine sull’identità fluida della Grafica d’Arte che, di fatto, genera l’attualità nelle molteplici piattaforme della nostra nuova quotidianità, dove i rimandi al percorso storico si presentano con forme nuove e con dinamiche insolite, attraversando linguaggi e generi: i molti media a disposizione della ricerca artistica a tutto campo.

I due manuali di riferimento (obbligatori) insistono su questi temi e saranno oggetto e strumenti di esercizi di approfondimento, per percorsi singoli o di gruppo:

  • Gianfranco D’Alonzo, LOP Rete Mostra Libro – Quando l’arte ripensa le piattaforme della comunicazione, a cura di Franco Speroni: “un modo di essere dell’arte contemporanea quando questa si fa dispositivo per creare relazione tra vari territori che siamo soliti abitare.”
  • Michel Serres, Non è un mondo per vecchi. Perché i ragazzi rivoluzionano il sapere: “Quando apparve la stampa, Montaigne preferì una testa «ben fatta» a un sapere accumulato, perché il cumulo, già oggettivato, giaceva nel libro, sui ripiani della libreria; prima di Gutenberg, bisognava sapere a memoria Tucidide e Tacito se si praticava la storia, Aristotele e i meccanici greci se ci si interessava alla fisica, Demostene e Quintiliano se si voleva eccellere nell’arte oratoria… dunque occorreva averne piena la testa”.

 


 

Modalità della didattica – Organizzazione del corso

Il corso prevede laboratori di carattere seminariale, di letture e di confronto sui manuali di riferimento proposti, con un costante rapporto fra il lavoro di ricerca personale e l’analisi comune audio-visiva del materiale emerso. Si favorirà l’attenzione al territorio e alle sue vicende sociali che chiamano i processi artistici a verificare i propri statuti. L’accoglienza studenti, a cui si dedica particolare attenzione per approfondire il lavoro personale di ogni singolo studente, è garantita ogni giorno del corso, nelle ore stabilite.

Alle attività di seminario-laboratorio in aula si affiancherà un Laboratorio esterno su Arte e Politica organizzato dal corso di Sociologia del Mutamento, della Creatività e dell’Arte della Prof. Maria Giovanna Musso, che si terrà alla “Sapienza” Università di Roma,  in Via Salaria, 113: sei appuntamenti, tutti i martedì dall’8 novembre al 13 dicembre 2016, dalle 18.00 alle 20.00. Successivamente si potranno ospitare studenti dello stesso corso di sociologia per supportare lo svolgimento dei loro progetti e promuovere altre date di incontri sullo stesso tema in sede.

Nel corso dell’anno sono previsti due eventi che saranno parte integrante del percorso didattico perché organizzati dal corso:

  1. La giornata dell’immaginario. Il barocco, la strada e il quotidiano. Lectio magistralis di Michel Maffesoli e presentazione della rivista Les Cahiers européens de l’imaginaire.
  2. Utopie e derive situazioniste. Giornata di studi sul Situazionismo. Progetto inter-cattedre: Grafica d’arte (Prof. Gianfranco D’Alonzo), Fenomenologia delle Arti Contemporanee (Prof.ssa Teresa Macrì), Estetica 1 e Estetica 2 (Prof. Dario Evola e Prof. Massimo Carboni).

 


 

E’ (era) vivamente consigliata la partecipazione alla presentazione del corso all’inizio dell’anno accademico.

 


 

Modalità di accertamento finale

Il lavoro realizzato, concordato con il docente all’inizio del corso, sarà tema di discussione esaminandone i processi e le premesse esposte. Durante l’anno sono previste revisioni dei progetti che daranno accesso all’esame finale.

 


 

Manuali di riferimento obbligatori

  • Gianfranco D’Alonzo, LOP Rete Mostra Libro – Quando l’arte ripensa le piattaforme della comunicazione, a cura di Franco Speroni, Gangemi Editore, 2014. Si può acquistare da Arte Tre, negozio di articoli di belle arti in Via del Fiume, 3°, 00186 Roma, Telefono 06.3219240http://www.arte3.it/ , oppure direttamente dall’editore presso la sede di Via Giulia 42, Roma, onlinehttp://www.gangemieditore.com/dettaglio/lop-rete-mostra-libro/4750/3.

 

Approfondimenti in Rete

 


 

Bibliografia

  • Walter Benjamin,L’opera d’arte nell’epoca della sua riproducibilità tecnica – Con un saggio di Massimo Cacciari, Einaudi, 2011.
  • Alberto Abruzzese, Punto Zero.Il crepuscolo dei barbari, Luca Sossella editore
  • Rosalind Krauss, L’arte nell’era postmediale. Marcel Broodthaers, ad esempio, Postmedia, 2005.
  • Georges Didi-Huberman, Storia dell’arte e anacronismo delle immagini, Bollati Boringhieri, 2007.
  • Arthur C. Danto, Dopo la fine dell’arte. L’arte contemporanea e il confine della storia, Bruno Mondadori, 2008.
  • Mario Perniola, L’Avventura situazionista. Storia critica dell’ultima avanguardia del XX secolo, Mimesis edizioni

 

DO NOT DELETE THIS DIV. IT IS HERE TO PROVIDE A LENGTH FIX FOR THE SLIDE-UP IN CASE THERE ARE NO COMMENTS.
Weigh in by leaving your
comment